mercoledì 4 settembre 2013

Grandi emozioni a Firenze e a Verona con Battiato, Antony e Alice

E' assolutamente corretto definire due "grandi eventi italiani" i concerti tenuti nei giorni scorsi, a Firenze e a Verona, da Battiato e Antony con ospite d'eccezione Alice: eventi rari in Italia per la qualità musicale, per la raffinatezza e per il suggestivo e prestigioso accompagnamento dell'Orchestra Sinfonica Arturo Toscanini. 
Ed è altrettanto assolutamente difficile riuscire a descrivere con le parole le grandi emozioni suscitate da questi Artisti con le loro voci, con il loro Amore per la Musica che traspare inevitabilmente da ogni nota delle loro canzoni. 






Ci auguriamo che il doppio cd, previsto per il prossimo novembre, con la registrazione del meglio dei due concerti ci restituisca intatte le stesse emozioni. Qui uno dei brani più toccanti cantati da Battiato e Antony: "Del suo veloce volo".




Alice è apparsa in tutto il suo splendore intorno a metà serata, cantando con Battiato uno splendido omaggio al grande Claudio Rocchi con la sua "La realtà non esiste", e, a seguire "I treni di Tozeur" e, infine, da sola "Il vento caldo dell'estate".

 "La realtà non esiste" (Claudio Rocchi)

Quando stai mangiando una mela tu e la mela siete parti di Dio, 
Quando pensi a Dio sei una parte di ogni parte e niente è fuori da tutto 
Quando vivi tu sei un centro di ruota e i tuoi raggi sono raggi di vita; 
Puoi girare solo intorno al tuo perno o puoi scegliere di correre e andare 
Quando dormi tu sei come una stella e il respiro è come fuori dal tempo; 
Quando ridi è come il sole sull'acqua, sai che farne della vita che hai 
Quando ami tu ridoni al tuo corpo quel che manca per riempire un abbraccio, 
Quando corri sai essere lepre e lumaca se hai deciso di arrivare o restare 
Quando pensi stai creando qualcosa, illusione è di chiamarla illusione, 
Quando chiedi tu hai bisogno di dare, quando hai dato hai realizzato l'amore. 
Quando gridi la realtà non esiste hai deciso di essere Dio e di creare. 
Quando chiami tutto questo reale hai trovato tutto dentro ogni cosa.


Grazie a Davide e a Flavio per le foto